Costeggiando il fiume Ticino nel territorio di Golasecca si trova un paesaggio bellissimo, molto verde, dove il Ticino scorre calmo e libero, salvo poi essere “ostacolato” da un’opera umana: la diga della Miorina. L’opera, costruita per regolare il livello delle acque del lago Maggiore, venne realizzata in 4 anni dal 1938 al 1942. L’imponente diga, alta più di 3 metri e lunga 200 metri è tuttora gestita da un consorzio e consente di regolare il flusso delle acque verso i navigli milanesi ed il canale Villoresi. Sono 130 le porte che consentono alla diga di regolare il livello delle acque del Ticino così da poter rifornire i canali in caso di secca utilizzando il lago Maggiore come riserva idrica. Il Ticino non è solo teatro di grande ingegneria idraulica, ma anche polo di attrazione per godersi tutto lo splendore dell’omonimo parco che corre lungo le sue rive. Da sempre quest’area rappresenta un punto di contatto tra il fiume, cuore e risorsa del territorio, ed i cittadini che da secoli sono attirati dalle sue sponde. Particolare è la spiaggia della Melissa, un invaso naturale che si insinua tra due terrazze poste circa a 4 m dal livello del fiume e rappresenta l’unica zona fruibile per accedervi. Tutta l’area è intensamente frequentata nella stagione estiva ed in particolari momenti dell’anno durante il quale l’afflusso giornaliero arriva a toccare punte di addirittura un migliaio di persone per una superficie totale di circa 21.000 mq.

LA TUA TESTIMONIANZA »

Le vostre TEstimonianze
Al momento non ci sono Testimonianze.