Nella frazione di Voltorre, ai piedi del parco del Campo dei Fiori sorge, tra antiche case coloniche, il chiostro del monastero di san Michele, divenuto monumento nazionale nel 1911. Costruito nella prima metà del XII secolo, in un luogo di passaggio di pellegrini e viandanti, il complesso fu decorato dallo scultore locale Lanfranco da Ligurno, che lasciò la sua firma su un capitello. Affidato ai benedettini, il monastero conobbe periodi di grande splendore alternati ad altri di declino e abbandono totale, fino a che nel 1700 il governo francese mise in vendita l’intero complesso che perse la sua unitarietà, diventando residenza rurale e deposito di attrezzi agricoli. Verso il 1800 si iniziarono una serie di grandi lavori di ristrutturazione che ebbero fine con il ripristino della chiesa dedicata a San Michele Arcangelo, santo cui i Longobardi erano devoti. La piccola chiesa romanica fu successivamente modificata tra il 1600 e il 1700, anni cui risalgono le decorazioni in stucco e gli affreschi a tromp-l’oeil. L’esterno è dominato dal massiccio campanile del XII secolo, costruzione imponente e severa posta dietro alla chiesa e alleggerito da alcune monofore e da un’ampia cella campanaria. Il chiostro, completamente restaurato, oggi ospita mostre e attività culturali legate all’arte contemporanea (www.chiostrodivoltorre.it)

LA TUA TESTIMONIANZA »

Le vostre TEstimonianze
Al momento non ci sono Testimonianze.