Cittadina di antichissime origini, feudo dei Besozzi, dei Visconti Borromeo e dal 1750 dei Litta Visconti di Arese, Gavirate ha dato a lungo il suo nome al lago di Varese. Non è un unico centro, ma l’insieme di più nuclei indipendenti: oltre a Voltorre e Oltrona, fino al 1928 erano comuni autonomi, Armino, Pozzolo e Fignano. Passeggiando tra le strette vie del borgo, affacciandosi ai cortili, soffermandosi sui sagrati sopraelevati delle chiese, si possono assaporare momenti di vita autentica. In piazza del Municipio e nelle vie circostanti batte il cuore commerciale di Gavirate: qui, sin dall’epoca medievale, si è costituita una costellazione di minuscole botteghe tra cui l’antica osteria e il “prestino”, il fornaio. Il mercato, che anima la cittadina ogni venerdì, è una tradizione antichissima, voluto dal conte Vitaliano Visconti Borromeo, feudatario del borgo, e concesso da Carlo V del 1539. Il centro storico è abbracciato da un anello di ville e villini con giardino, costruiti nel secolo scorso, quando la posizione favorevole del borgo vi richiamò ricche famiglie di Milano e Varese per la villeggiatura. Il lungolago di Gavirate è uno dei più belli e frequentati del Lago di Varese e permette di passeggiare e sostare in contemplazione di questo angolo di lago così magico, spesso dipinto dai pittori locali per il suo fascino e l’ispirazione che riesce a creare.

LA TUA TESTIMONIANZA »

Le vostre TEstimonianze
Al momento non ci sono Testimonianze.