Quando sensibilità per l’ambiente, tradizione del territorio e cultura della sostenibilità si incontrano, è inevitabile che ne scaturisca una bellezza profonda, che non si ferma alla superficie e all’estetica delle cose. Se il contesto paesaggistico è quello di una campagna a pochi passi dalle sponde di un lago, con i cipressi che si stagliano sullo sfondo lucente delle acque, allora siamo di fronte a una rarità degna dei versi bucolici virgiliani. Il borgo di Mustonate si situa a pochissima distanza dal centro di Varese, ma quella in termini di chilometri e di tempo dal resto del mondo sembra abissale. Qui è possibile visitare la campagna in carrozza, sulla sella di un cavallo o semplicemente passeggiando. L’idea è quella di godere del mondo campestre, dei suoi sapori e dei suoi scorci, consentendo al visitatore di immergersi in questa realtà in modo totalmente spontaneo. L’autenticità delle tradizioni è rimasta inalterata. Quella equestre, ad esempio, è praticata in spazi specializzati, con scuderie e circuiti gestiti da chi in questo settore lavora da una vita. L’organizzazione di tour gastronomici consente un ulteriore legame con il territorio. A gennaio si tiene il classico falò di Sant’Antonio, prima del quale si svolgono tradizionali cerimonie come la benedizione degli animali, la fiaccolata e la veglia. Il tutto è intrecciato sapientemente ad eventi più moderni, musicali e gastronomici, che coinvolgono gente di ogni età e mantengono lo spirito di coesione sociale originario.

LA TUA TESTIMONIANZA »

Le vostre TEstimonianze
Al momento non ci sono Testimonianze.