Biassono mostra fiera la sua lunga storia in ogni angolo del borgo. I resti più antichi di una necropoli risalente al X - XI sec a. C. si trovano in località Cascina Marianna. A dimostrazione della florida epoca romana rimangono molti reperti custoditi nel Museo Civico Carlo Verri. Meno rimane invece dell’epoca medievale, quando dalla probabile presenza di un castello cintato, “la Fortezza dei Blasoni”, scaturì il suo nome. Numerose abitazioni signorili testimoniano il fervore settecentesco di nobili famiglie come i Crivelli, i Segramora e i già citati Verri. Proprio la loro è la villa più conosciuta, oggi sede municipale. Nei suoi giardini è visibile un’antica ghiacciaia, un grande frigorifero naturale che, riempito di ghiaccio e neve, era usato per conservare la carne. Si eleva in Piazza Italia l’edificio simbolo della cittadina, la Torre dell’Acquedotto. Un tempo sede del palazzo comunale, fu edificata nel 1912 in stile neogotico, con mattoni a vista e intonaco decorato. Ad aggiungersi a questo mosaico cittadino c’è un tassello davvero unico: il Muretto dei Campioni. Non lontano dal Parco di Monza con il celebre Autodromo, venne eretto nel 1922 come punto di riferimento per tutti gli appassionati delle due e quattro ruote. Appesi vi sono dei manufatti in ceramica con gli autografi dei più grandi personaggi del mondo motoristico: i vincitori del Gran Premio d’Italia di Formula 1, del Gran Premio delle Nazioni di Motociclismo, ma anche tecnici, giornalisti e meccanici. Non un semplice album a cielo aperto, ma un’appassionante raccolta di emozioni e ricordi.

LA TUA TESTIMONIANZA »

Le vostre TEstimonianze
Al momento non ci sono Testimonianze.