“Trass a bass” , letteralmente “buttati giù”. Sembra un invito un po’ “kamikaze”...ma lo è! Chi si lancerebbe da una discesa ripida e piena di curve con un carretto autoprodotto, con uno sterzo artigianale e con qualcosa che assomiglia vagamente ad un freno? La risposta è: molte persone, quelle che ogni anno si iscrivono a questa pazza manifestazione divenuta ormai tradizionale a Figino Serenza. Il meccanismo è semplice: lo scopo è arrivare primi sfidando gli avversari curva dopo curva. Non solo una gara di velocità, ma anche di simpatia e creatività: i veicoli sono spesso strampalati, dalle forme strane e non sempre “aerodinamiche”, basta fare festa! Capita allora di vedere piccoli kart superveloci o carretti travestiti da frutti o da animali, da carri armati o da barche. Il trass a bass è un appuntamento di folclore attesissimo che attira migliaia di visitatori da tutta la Brianza per lo spettacolo, il calore, l’ironia. La stessa ironia e simpatia che contraddistinguono i figinesi, una popolazione legata all’associazionismo e al volontariato, alla voglia di stare insieme http://www.trassabass.it/.

LA TUA TESTIMONIANZA »

Le vostre TEstimonianze
Al momento non ci sono Testimonianze.