Come una spaccatura nel territorio,una ferita profonda che separa i paesi sulle colline circostanti. La Serenza è un affluente del Seveso che nel suo tratto finale scorre nell’omonima Valle. Affacciati sui due versanti si trovano i comuni di Figino Serenza, Novedrate e Carimate, ognuno dei quali merita di essere visitato per le bellezze custodite: Figino con la sua Villa Ferranti, Novedrate con Villa Casana, Carimate con il suo centro storico ed il castello. Molti i sentieri che collegano questi borghi all’interno del Parco della Brughiera costeggiando o attraversando il corso del Serenza. E’ una piacevolissima sorpresa passeggiare nel letto del fiume, che spesso durante la bella stagione è in secca, e guardarsi intorno scoprendo un paesaggio inaspettato. Quasi un canyon, ripide pareti di ceppo, la pietra locale composta da terra e sassi. A proposito di sassi, il letto del Serenza ne è pieno: sono i ciottoli rimasti sul fondo dopo lo sgretolamento del ceppo. Una grandissima varietà di pietre diverse provenienti da chissà dove, trascinate dai ghiacciai e rimaste per centinaia di migliaia di anni intrappolate nella sabbia compatta. In molti, passeggiando, raccolgono questi sassi dalle forme e dai colori strani; qualcuno dotato di particolare spirito artistico ama addirittura dar loro vita dipingendoli o modellandoli... anche le pietre hanno un cuore, se l’uomo è capace di liberarsi del proprio cuore di pietra e di ascoltarne il richiamo.

LA TUA TESTIMONIANZA »

Le vostre TEstimonianze
Al momento non ci sono Testimonianze.