San Lorenzo è uno dei santi più venerati nella provincia di Lecco. Giungendo a Rossino, frazione di Calolziocorte, si possono trovare addirittura due chiese dedicate al suo nome, posizionate una di fronte all’altra. Quella che risalta per bellezza ed importanza, ma non per dimensione, è quella “Vecchia”. I resti più antichi la fanno risalire al V secolo, quando il culto pagano venne progressivamente sostituito da quello cristiano. La struttura attuale è del XII secolo, seppur frutto di ampliamenti che si sono succeduti nelle epoche successive. L’esterno presenta soprattutto caratteristiche di origine romanica, compreso il campanile costruito a lato. È entrando che si rimane sorpresi per la bellezza e semplicità degli affreschi appartenenti a varie fasi tra il XIV e il XVII secolo, recentemente restaurati. Gli occhi vanno subito a posarsi sulla splendida Crocifissione della parete absidale, per poi perdersi nelle altre immagini lungo la suggestiva volta a botte del presbiterio. Il santo protettore abita ancora le mura della chiesa, nei numerosi episodi del suo martirio, situati accanto al presbiterio. Il soffitto ligneo e la scarsa illuminazione indirizzano il pellegrino al raccoglimento e alla preghiera e il viaggiatore alla rispettosa ammirazione di questo luogo devoto. La chiesa “Nova” è la parrocchiale, di origine quattrocentesca. È ricordata soprattutto per il Museo Parrocchiale “Don Carlo Villa”, che conserva opere e suppellettili liturgici databili tra i secoli XV e XX.

LA TUA TESTIMONIANZA »

Le vostre TEstimonianze
Al momento non ci sono Testimonianze.