Quattro testuggini, imponenti e scintillanti. La luce del sole fa risplendere, quasi fossero d’argento, i cannoni che si trovano sulla cima del colle Montecchio Nord, guardiani da un secolo delle valli fra le province di Como e Sondrio. La storia del forte cui appartengono queste 4 bocche da fuoco, ha inizio nel 1912, quando la Prima Guerra Mondiale è ormai alle porte e si pensa alla difesa della Pianura Padana. Ma il destino di questo gigante, scavato nella roccia, sarà di rimanere sempre lontano dai combattimenti e gli unici colpi saranno sparati contro i tedeschi nel 1945. Esempio unico dell’architettura militare, è ora magica meta di chi per i monti vuole camminare e godersi la pace di questi paesaggi. A piedi o in bicicletta si può respirare il fascino della Storia e delle tradizioni tipiche di questi luoghi. Ancor più antico è il vicino forte Fuentes, situato sul colle Montecchio Est, di cui ormai rimangono solo le rovine. La sorte ha voluto anche in questo caso che nessuna battaglia lo vedesse protagonista e così Napoleone lo fece distruggere. Le poche mura rimaste in piedi oggi sono però testimoni degli incontri e degli scontri di una terra di confine. Lasciarsi guidare fra questi resti significa immergersi dalla testa ai piedi in un passato che avvolge i sensi e poter essere rapiti dal panorama, fra colline e monti, in un alternarsi di vallate verdeggianti e vette imbiancate dalle nevi. I forti sono oggi fruibili da coloro che vorranno farsi affascinare da questo viaggio nel tempo: www.fortemontecchionord.it; www.fortedifuentes.it.

LA TUA TESTIMONIANZA »

Le vostre TEstimonianze
Al momento non ci sono Testimonianze.