“Pesa Vegia!” Queste le parole che i messaggeri, mandati a Como per chiedere il mantenimento del sistema di misurazione allora vigente, urlarono dalla barca quando, nel 1606, di ritorno verso Bellano, i compaesani chiesero loro ragguagli in merito all’esito del negoziato. In ricordo di questo successo, il 5 gennaio di ogni anno, Bellano si trasforma e diventa il palcoscenico della festa della Pesa Vegia. Ancora oggi, dopo 400 anni, il lago si veste di un’atmosfera magica per rievocare questo evento. L’avvicinarsi della barca dei portavoce bellanesi alla riva suscita sempre grande emozione ed aspettativa. La luce fluttuante delle lanterne sull’acqua annuncia il verdetto: “Pesa Vegia!”; e allora le strade si animano di canti, luci e del festoso baccano di latte e ferraglie, a simboleggiare le nuove bilance che, ormai inutili, furono trainate per le vie del paese per festeggiare. Oggi la festa della Pesa Vegia richiama spettatori da ogni dove, per il suo calore e per la suggestione che sa creare ed è l’occasione per rievocare i Re Magi in viaggio verso il Bambin Gesù. La tradizione bellanese prevede che i tre Re vengano scelti attraverso un’asta anonima; vengono poi vestiti e truccati in modo da risultare irriconoscibili durante il corso della sfilata. E’ d’obbligo segnalare anche una seconda ipotesi sulla nascita della festa della Pesa Vegia, più recente, che si riferisce al 1862 quando, dopo l’unità d’Italia, venne istituito il sistema metrico decimale, con estremo disappunto dei mercanti bellanesi che ne chiesero un rinvio. Certo è che il prosieguo della storia non cambia: il verdetto per i bellanesi fu semplicemente “Pesa Vegia!”.

LA TUA TESTIMONIANZA »

Le vostre TEstimonianze
Al momento non ci sono Testimonianze.