Le vecchie mulattiere che attraversavano il confine portano dalla vetta del Bisbino al pittoresco borgo di Sagno, dal quale si può godere di una splendida vista sul territorio circostante. Un piccolo paese, situato a 700 metri di altitudine, che ancora mantiene atmosfere antiche tra i vicoli e le piazze. Gli abitanti raccontano una vita molto legata al confine stesso, che nella vita di tutti i giorni è come se non esistesse: il lavoro, la vita contadina, le amicizie e le parentele uniscono i due versanti del Bisbino, in un'alleanza silenziosa tra le persone. E' rilassante passeggiare tra queste vie così raccolte, alla scoperta di angoli particolari, piazzette dove si trovano una piccola cappella, un antico pozzo e molti edifici che riportano al tempo che fu. Qui le storie del passato sono ancora vive: il cimitero del borgo conserva lapidi ottocentesche che ricordano il fenomeno dell'emigrazione, forte a quei tempi tra gli abitanti di Sagno. All'interno dello stesso cimitero, è pregevole un busto del famoso scultore Vincenzo Vela, originario di questa zona, che visse nel 1800 e operò soprattutto a Torino, dove raggiunse una grande fama per la sua abilità artistica. In cima al paese si trova poi la chiesa di San Michele, di origine antica, ma dalle forme barocche. Una dedicazione, quella a San Michele, considerato il protettore del “popolo di Dio”, che la dice lunga sul significato simbolico di questa chiesa, che sorge lungo un percorso già anticamente calcato da viandanti e pellegrini. L'interno conserva affreschi e dipinti di pregio, che ristorano l'animo del visitatore.

LA TUA TESTIMONIANZA »

Le vostre TEstimonianze
Al momento non ci sono Testimonianze.